Andrea Scacciotti

Cenni biografici

Varesino di nascita e luganese di adozione, Andrea Scacciotti ha saputo elaborare una propria personalissima cifra stilistica nell'ambito dell'astrazione. Dopo una parentesi dedicata al figurativo e all'apprendimento, tecnico teorico, dei principi basilari della pittura, ha infatti incentrato la propria ricerca sull'uso del segno e del colore, ma anche sulla sperimentazione di tecniche miste che prevedono impiego di materiali estranei alla tradizione. Seguendo un moto di estrema libertà creativa , olii e acrilici si fondono e si uniscono a materiali naturali e industriali come sabbie, legni, cemento, sassi e materiali plastici ottenendo interessanti effetti visivi, fatti di rilievi di iridescenze e di trasparenze, che spesso riescono a trasmettere una sensazione quasi tattile.

 

Il grande interesse per la matericità dei materiali impiegati non deve però distrarre l'attenzione dal cuore della ricerca artistica di Scacciotti, la sua è una ricerca volta ad indagare abissi e profondità dell'animo umano a far trasparire dalle asprezze delle increspature di colore i dubbi, le incertezze, le situazioni di conflitto che attanagliano l'esistenza.

Dal 2007 espone in mostre personali e collettive in Italia e in Svizzera.

 

Nel 2010  apre la Galleria "Alter Ego" diffondendo ulteriormente il suo impegno nel campo dell'arte e ponendosi quale punto di riferimento per artisti affermati ed emergenti, in un proficuo incontro culturale tra Italia e Svizzera.

 

 

www.alteregogallery.com

Swiss-based, Italian-born painter Andrea Scacciotti developed his personal style by mixing his original view on colour and the sign with a materic approach meant to achieve tactile textures, iridescence, glares and transparency, as a symbolic means to search the depths and roughness of the human soul.

 

He has been presenting his artwork in group and solo exhibitions in Italy and Switzerland since 2007. In 2010 he opened the art gallery “Alter Ego”, which has become a landmark for both emerging and established artists from Italy and Switzerland. The gallery also hosts cultural events featuring renowned guests, where figurative art mingles with dance, music and songwriting, poetry and fiction writing.